Vai alla homepage di www.kucinare.it Ricette

cerca


community

Login
Gli utenti di Kucinare.it

Forum

La mia pagina
Invia ricetta
Invia articolo
Netiquette
Registrati

Il ricettario

Le ricette preferite

Gli articoli

Link
Contattaci
home

Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata
sotto una Licenza Creative Commons.

l'albero di carrubo
28/09/2007

12864 click
Si dice carrubo e il pensiero va subito al settore zootecnico: invece si dovrebbe reintrodurre nella nostra alimentazione questo prodotto dalle mille qualità e proprietà....
Un albero antichissimo, lento e inesorabile nella sua crescita: non da' frutti fino ai 10 anni ma da quel momento in poi la produzione cresce di anno in anno: a cinquant'anni il carrubo è un giovincello e può arrivare ai 500 di anni portandoseli benissimo!!!
Il suo frutto, la carruba, è un bacello simile al fagiolo ma di dimensioni maggiori che a maturazione diventa nerastro: gli utilizzi ....innumerevoli!
Intanto la polpa: è costituita per il 10, 30% da glucosio e saccarosio, è priva di caffeina e viene utilizzata per ricavare il "carcao", che è un surrogato del cacao a basso contenuto di grassi e privo delle sostanze eccitanti tipiche del cioccolato (le barrette dietetiche ne fanno largo uso); ha un alto contenuto di proteine, una buona fonte di vitamine , ma anche di minerali come (calcio, magnesio, potassio), in aggiunta ad una buona percentuale di fibra e di pectina.
Ha un gradevole sapore e può essere utilizzata in sostituzione del cacao per torte, creme, budini; in aggiunta a farina può essere utilizzata per la preparazione di pasta fresca .
Vieniamo al seme di carruba: mamma mia quanto è duro! La farina di semi di carrube è costituita per l’80% di “carrubina” una gomma naturale che ha la capacità di assorbire acqua per 100 volte il suo peso. Per questo trova ampio utilizzo come addensante, eccipiente, omogeneizzante nell'industria alimentare, dolciaria, farmaceutica, , cartaria etc.
Curiosità: il peso dei semi di carruba è sempre costante, pesa 1/5 di grammo: per questo motivo, nei tempi antichi venivano usati come unità di misura per diamanti, ori, preziosi.... In arabo il seme di carrubo veniva chiamato khirat – carato. carruba.jpg
E poi non va trascurato il valore ornamentale della pianta: bella,imponente, dalla folta chioma verde scura...
E' un albero che purtroppo si sta dimenticando ed è un vero peccato..io intanto un seme nella terra l'ho messo e sta nascendo!!!!!
In conformità alle leggi sul diritto d'autore per opere collettive (*), una volta pubblicato, l'articolo resta nel sito www.kucinare.it anche nel caso di cancellazione o disattivazione dell'account.
(*)  Legge del 22 aprile 1941 n° 633. Cfr anche Il diritto d'autore in internet.

archivio articoli

 
Questo sito utilizza cookie tecnici per fornire i propri servizi. Continuando la navigazione,si acconsente al loro utilizzo.
In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookie cambiando le impostazioni del proprio browser oppure abbandonando il sito.
Chiudi