Vai alla homepage di www.kucinare.it Ricette

cerca


community

Login
Gli utenti di Kucinare.it

Forum

La mia pagina
Invia ricetta
Invia articolo
Netiquette
Registrati

Il ricettario

Le ricette preferite

Gli articoli

Link
Contattaci
home

Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata
sotto una Licenza Creative Commons.




Syndicate this site!


Crostini umbri (patè di fegatini di pollo)

di chiaraeva

del
13/04/2005

Preferita da 26 utenti

 

tutte le ricette preferite dagli utenti

33488 click

aggiungi ai preferiti
salva nel tuo ricettario


stampa
versione per la stampa

antipasti piatti tipici

 

Questo patè è tipico di alcune regioni dell'Italia centrale (Umbria, Toscana e alcune zone del Lazio), ognuna ha le sue varianti. La versione che vi propongo è quella umbra e, più in specifico, quella di mia nonna!
Tempo di preparazione e cottura:
1 h
Ingredienti

700gr di fegatini di pollo - 300gr di cuori e stomaci di pollo - una salsiccia (salamella) -  una cipolla - sale - pepe - olio di oliva - qualche foglia di salvia - un peperoncino - succo di 1 limone - aceto.

                 



Pulire i fegatini, i cuori e gli stomaci del pollo e metterli a bagno in abbondante acqua fredda nella quale avrete versato dell'aceto di vino (ca. mezzo bicchiere per 2,5 lt d'acqua) e sciolto un paio di cucchiaini di sale. Lasciare nell'acqua e aceto finché non diventano bianchi. Nel frattempo in una padella far appassire una cipolla tagliata a listarelle sottili con un cucchiaio di olio di oliva. Far cuocere a fuoco vivace i fegatini, i cuori e gli stomaci, aggiungere le foglioline di salvia, la salsiccia, il peperoncino, salare e pepare. A cottura ultimata far raffreddare. Versare nel mixer il tutto e tritare finemente. Aggiungere il succo del limone e l'olio di oliva quanto basta (almeno 4-5 cucchiai). Il patè dovrà risultare cremoso, quindi aggiungere eventualmente altro olio di oliva, a piacere altro succo di limone e aggiustare di sale.

La ricetta tradizionale vuole questo patè tritato un pò grossolanamente, ma ovviamente dipende dai gusti (io ad esempio lo trito finissimo e aggiungo anche più succo di limone). Normalmente si spalma su del pane casareccio (pagnotta) sciapo, ma è ugualmente buono con altri tipi di pane. Mia nonna addiritttura lo spalmava generosamente su grosse fette di pane in grande anticipo, in modo da fare insaporire il pane stesso.

Conservare in frigorifero in un recipiente a chiusura ermetica. Il patè si conserva a lungo, l'importante è ricoprirlo sempre  completamente con dell'olio d'oliva.


Questo sito utilizza cookie tecnici per fornire i propri servizi. Continuando la navigazione,si acconsente al loro utilizzo.
In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookie cambiando le impostazioni del proprio browser oppure abbandonando il sito.
Chiudi